Single Blog

Si può insegnare la cultura?

Un’umile riflessione dalla mia esperienza di formatrice interculturale.

 

Ricordo ancora quando ricevetti il materiale per la mia prima formazione interculturale in Perù. Mi ero recentemente laureata in Educazione e Pluralismo Culturale con l’Università di Firenze e avevo seguito un training di cinque giorni in un centro di comunicazione cross-culturale ad Amsterdam. Fu questo centro a mettermi in contatto con un’agenzia che cercava una formatrice per un manager che si spostava dall’Ecuador al Perù. Il mio primo cliente 😃

Non avevo mai fatto una formazione interculturale prima, ma mi rassicurarono: mi avrebbero mandato tutto il materiale di cui avevo bisogno. Quando ricevetti due grossi libri e li sfogliai, rimasi un po ‘sbalordita: non mi ero aspettata di trovare una serie così dettagliata di linee guida e di dati sulla cultura peruviana che dovevo “insegnare” seguendo quegli stampati. La domanda mi venne spontanea: si può insegnare la cultura?

preparandomi a partireA quel tempo avevo pochissima esperienza di formazione interculturale, ma avevo già accumulato un buon numero di anni vivendo in culture diverse. Conoscevo l’effetto dell’esposizione alla differenza.

Col passare degli anni e dopo essermi trasferita dal Perù a Gerusalemme e poi in Indonesia, ho acquisito esperienza nella formazione, ma ho sempre trovato un po’ difficile padroneggiare la fragilità del processo di “trasmissione” di una cultura diversa.

Ogni cliente ha rappresentato un’esperienza nuova, e con ogni formazione ho scoperto qualcosa di me stessa, della mia cultura e della cultura che stavo presumibilmente “insegnando”, più qualcosa della cultura da cui provenivano i miei clienti.

Forse è stato quest’ultimo aspetto a lasciare un segno più forte in me quando formavo sulla cultura indonesiana, cioè mettevo etichette e definizioni di comportamenti ad alcuni dei valori indonesiani con cui ero entrata in contatto e di cui ero a conoscenza. Osservavo le reazioni dei miei clienti, ascoltavo i loro commenti, accoglievo senza giudizio le loro domande, ed era attraverso tutto ciò che assorbivo molto della loro cultura.

cultura collettivistaQuesto mi ha fatto pensare: come elaboriamo la percezione che proviene dalle nostre menti, esseri ed esperienze culturali, e la trasformiamo in preziosi suggerimenti per qualcuno che vuole avvicinarsi a quella cultura?

In qualità di formatori interculturali, abbiamo un’enorme responsabilità. In fondo non è così grave se raccontiamo ai nostri clienti qualcosa sulla cultura che alla fine non risulterà essere fedele o non sarà in linea con la loro esperienza personale.

Ciò che è più grave è portare i clienti a pensare che si può insegnare la cultura e che forniremo loro la chiave definitiva per venire a patti con le differenze interculturali da affrontare nel nuovo paese. Dal mio punto di vista e secondo la mia esperienza l’approccio giusto è di ammettere semplicemente che la cultura non può essere insegnata, ma che noi, come formatori, siamo in grado di trasmettere ciò che quella cultura ci ha insegnato e come ha influito su di noi a partire dalla nostra struttura culturale.

In qualità di formatori interculturali, abbiamo una vasta gamma di esempi da trasmettere ai nostri clienti. Quello che possiamo fare è mettere sul piatto la nostra esperienza interculturale, raccontare ai nostri clienti come ci siamo sentiti al riguardo, partendo dalla nostra armatura culturale, qual è stata la reazione media a quell’esperienza da diverse prospettive interculturali, chiedere loro come reagirebbero in una determinata situazione nella nuova cultura.

Infine, altrettanto importante, possiamo incoraggiarli a ricorrere agli strumenti generali che abbiamo sperimentato insieme all’inizio della formazione e trovare quello più adatto per uscire dalla situazione in modo rispettoso e soddisfacente.

Tremo quando sento “gli indonesiani sono così” o “gli svizzeri sono così“. No. Quello che facciamo meglio a dire è “Io sono così e questo è ciò che mi ha insegnato l’esperienza con gli indonesiani“. Faremo un enorme favore alle culture.

Claudia Landini
Ginevra, Svizzera
Febbraio 2021
Tutte le foto sono mie

Comments (0)