Single Blog

Come mantenere il gioco nella formazione online

Con il nuovo scenario disegnato dal COVID-19, tutti si stanno precipitando a dare consigli su come tenere formazioni online. A me però piacerebbe parlare della sfida del  mantenere il gioco nella formazione online.

 

Il gioco è sempre stato una costante nella mia vita. L’ho sempre usato, e ancora lo uso, in tutto: feste, ritrovi tra amici, compleanni, workshop, formazioni interculturali, coaching… Anche quando formo manager in arrivo nei nuovi paesi, li metto davanti a uno o più giochi. In tutti i miei workshop li uso a profusione. In questo momento in cui formazioni e seminari si possono tenere solo via schermo, la vera sfida è come mantenere il gioco nella formazione online.

Una sfida che mi sta particolarmente a cuore. Proprio nel momento in cui è  scoppiata la crisi del COVID-19, mi preparavo a lanciare il mio coaching game What Expats Can Do. Ci avevo lavorato per mesi, con passione e abnegazione. Avevo a lungo ragionato, fatto brainstorming e testato la possibilità di una giornata di formazione sulla diversità usando solo lui come strumento. Ma il presupposto di base del gioco è di essere seduti fisicamente l’uno accanto all’altro. La quarantena ci obbliga a rivedere tutte le attività che prima facevamo in presenza. E possibilmente, a riproporle online.

Vero è che ormai siamo diventati bravissimi a fare un sacco di cose online. E’ pur sempre chiaro, però, che l’energia, la comunanza, e la pienezza che il gioco procura sono impossibili da ricreare con la barriera dello schermo. O no?

Ho voluto provare. Intendevo offrire alla comunità di Expatclic lo stesso workshop sulla famiglia espatriata che avevo dato a Bucarest. E dato che, come ho spiegato qui, l’uso di attività interattive era stato fondamentale in quell’occasione, ho dovuto trovare il modo di riproporle online. Ci ho ragionato un po’ su e ho capito che potevo farlo.

E se ero riuscita a creare una versione online delle attività che avevo portato al seminario, mi son detta che avrei potuto fare lo stesso con tanti altri giochi. Ho stilato dunque una lista di giochi che da sempre uso nei miei workshop di formazione interculturale, e nelle giornate di formazione con manager e le loro famiglie. Li ho analizzati a fondo per capire se avessero qualche margine di modifica per adattarli all’online. Quando l’ho trovato, li ho cambiati senza snaturarli completamente, e nel far questo mi sono venute un sacco di altre idee di come usare il gioco nella formazione online.

Poi ho studiato Zoom, il software che uso spesso con la comunità di Expatclic, che si è gentilmente prestata a farmi da cavia. Capite a fondo tutte le sue potenzialità, ho avute altra ispirazione, e ho creato nuovi giochi di sana pianta.

E’ stato un processo molto creativo ed entusiasmante.

Erano i  giorni in cui mia madre, in Italia, lottava come una leonessa contro il COVID-19. Per distrarmi, io mi mettevo a pensare ai miei giochi. Li elaboravo, correggevo e ne inventavo di nuovi. Fino ad arrivare a una lunga lista di giochi. Talmente lunga che l’ho divisa in varie categorie:

  • icebreakers
  • giochi per presentarsi in gruppo
  • giochi per la formazione interculturale
  • coaching games per parlare di valori
  • team building
  • giochi per parlare di diversity&inclusion
  • attività per formazioni per creare una carriera portatile

Ora li sto testando con la comunità di Expatclic e con gruppi di colleghe che da sempre mi seguono nei miei sogni e nei miei impeti di creatività. Sto imparando tantissimo in questo processo. Sto scoprendo su cosa è importante focalizzarsi e  di cosa non bisogna preoccuparsi. Questo, e altri trucchi utili per usare proficuamente il gioco nella formazione online, ve lo racconterò nel mio prossimo post.

Vi anticipo anche che offrirò a breve dei webinar in cui vi farò giocare dall’inizio alla fine, e vi spiegherò come organizzarvi per i vostri giochi online. Scrivetemi, se volete essere le prime a sapere date e tutti gli altri dettagli.

Non smettete mai di giocare!

Claudia Landini
Ginevra
Aprile 2020

Foto ©ClaudiaLandini

Comments (0)