Single Blog

Il mio corso online per una carriera portatile.

Ogni volta che lancio una nuova edizione del mio corso online per costruire una carriera portatile, molti, giustamente, mi chiedono informazioni dettagliate. Per spiegare nel modo più esauriente possibile, in questo post ho risposto a una serie di quesiti che mi vengono posti regolarmente.


 

Un pochino di storia. Ho cominciato a dare questo corso online nel 2010, mentre vivevo a Gerusalemme. L’ho lanciato in risposta a tantissime richieste di aiuto per costruire una carriera portatile che mi arrivavano attraverso il mio sito in supporto delle donne espatriate, expatclic.com.

Mentre al lancio del sito, nel 2004, le richieste delle donne espatriate si concentravano di più su questioni legate ai figli e alle condizioni di vita nel paese che le attendeva, dopo qualche anno il focus si era decisamente spostato. Ora la donna voleva sapere se avrebbe potuto continuare a lavorare nel nuovo paese, quali erano i mercati che l’attendevano, come poteva riciclarsi in qualcosa di nuovo per non perdere del tutto la sua identità professionale. Come costruire una carriera portatile, insomma.

Inizialmente il corso era costituito da materiale di lettura, qualche esercizio, e dalla mia assistenza continuata via mail. Nel frattempo però succedevano due cose. La prima, mi rendevo conto che gran parte dei bisogni delle donne che frequentavano il mio corso doveva essere elaborata in maniera diversa, le mail di appoggio non bastavano più, perchè le questioni legati all’identità professionale delle donne in espatrio sono tante, variegate, delicate e profonde. La seconda, avevo cominciato a formarmi come coach, e tutte le cinque persone che ho coacchato per la mia pratica in accademia, volevano lavorare sul come costruire una carriera portatile o in alcuni casi anche stanziale.

Il supporto del coaching

Ho dunque aggiunto al corso cinque sessioni di coaching, per personalizzare il percorso di ogni partecipante. Mentre la strada tracciata dai moduli è la stessa per tutte, le sessioni individuali aiutano il partecipante ad affrontare la sua situazione personale, che è unica e diversa da tutte le altre.

L’importanza del gruppo

A queste quattro sessioni individuali ne ho aggiunte poi due di gruppo. Lavorare insieme per due mesi sulle stesse tematiche crea delle sinergie molto importanti, e soprattutto utili a guadagnare fiducia e ad aumentare la propria autostima. Senza contare che spesso nel gruppo si creano alleanze, o che qualcuno ha gli strumenti adatti ad aiutare una compagna di corso.

Il corso quindi è così strutturato:

  • ci sono otto moduli che vi accompagnano nel percorso per costruire una carriera portatile: si comincia dai valori, passioni, esigenze, situazioni personali, e si prosegue affrontando man mano tutti gli scogli che incontriamo nel portare la nostra idea sul mercato, ovunque ci troviamo;
  • all’inizio e alla fine del corso ci sono due sessioni di gruppo. L’argomento lo sceglie il gruppo, e può essere dei più svariati. Se il gruppo non ha esigenze, suggerisco io qualche idea. Si sceglie il giorno e l’ora, e ci si collega tutti insieme per un’ora e mezza durante la quale ci si conosce, confronta, si discute e ci si aiuta (e a volte si fanno esercizi o si gioca!);
  • ci sono cinque sessioni di coaching individuali. Se non sai cos’è il coaching, puoi dare un’occhiata qui. Durante queste sessioni lavoriamo molto profondamente sui problemi, idee, suggerimenti, sentimenti che individuiamo man mano sul percorso. Alla fine di ogni sessione ci lasciamo con delle “azioni” che scegliamo in relazione alle tematiche che sono emerse durante la sessione, e che andranno completate prima della sessione successiva. Io mando sempre un “recap” alla fine della sessione, per ricordare di cosa si è discusso e cosa ci si è fissati per la sessione successiva
  • c’è una piattaforma online che usiamo durante il corso e sulla quale postiamo materiale utile, video, articoli, e altre risorse, e discutiamo e ci informiamo a vicenda.

Il Ritmo

Ogni due lunedì carico un nuovo modulo sulla piattaforma e do il benvenuto via mail alle partecipanti. Ognuno scarica il modulo, lo legge, fa gli eventuali esercizi che contiene seguendo il proprio ritmo, e me li manda. Ogni due settimane circa, facciamo la sessione di coaching individuale. E’ mia cura contattare i partecipanti per accordarci sul giorno e l’ora.

Mi viene spesso chiesto quanto tempo va dedicato a questo corso, ma per me è molto difficile rispondere, proprio perchè si tratta di un corso che si plasma sulle esigenze personali man mano che si prosegue insieme. Sicuramente bisogna contare 7 ore di presenza online per le sessioni di coaching individuali e di gruppo, e circa mezz’ora a modulo (quindi 4 ore) per la lettura. Il tempo necessario a svolgere gli esercizi e le azioni che di volta in volta si decidono durante le sessioni non può essere calcolato perchè dipenderà dalla natura delle azioni che concordiamo insieme.

La quota di partecipazione

Tutto quello che vi ho menzionato finora è incluso nella quota di partecipazione al corso. Quindi:

  • otto moduli, costantemente aggiornati
  • cinque sessioni di coaching individuali
  • due sessioni di coaching di gruppo
  • accesso alla piattaforma online
  • mia assistenza continuata via mail e sulla piattaforma

Per dettagli sulla quota di partecipazione, il contenuto dei moduli e l’ordine degli argomenti, cliccate qui.

Vi aspetto

Accompagnarvi per tre mesi nella costruzione di un progetto professionale è per me un grande privilegio. 29 anni di vita all’estero mi hanno dato gli strumenti per capire profondamente le problematiche dietro a ogni persona che lotta per costruire un progetto professionale trasportabile. Per anni ho assistito decine di persone con alcune delle quali si è instaurato un profondo rapporto che va ben al di là del corso. Spero di potervi aggiungere alla lista. Contattatemi per sentirci via Skype o se avete domande alle quali non ho risposto

 

Claudia Landini
Aprile 2017

Photo credit ©Harits Mustya Pratama

Comments (0)

Post a Comment